- Scopri - Rakahanga

"Uno degli avamposti più isolati del Pacifico, Rakahanga si trova a quarantadue chilometri a sud della sua isola sorella Manihiki. Rakahanga è descritto dall'autore australiano Julian Hillas (alias Dashwood) come un luogo dove “per sempre e domani non arriva mai; dove gli uomini vivono e muoiono, banchettano e soffrono, mentre il vento e le onde giocano sulla sabbia bagnata e sulle scogliere scintillanti. """

A forma di barriera corallina rettangolare che circonda una grande laguna poco profonda - ha due isole principali e sette motu o isolotti - ad est ci sono Akaro, Te Motu o Umura, Huananui, Motu Mahuta e Motu Okakara. A sud-ovest a guardia del più ampio passaggio nella laguna c'è il leggendario Te Kainga; ritenuta la dimora originaria dei primi isolani. E un luogo molto venerato e amato dalle comunità locali e dalle isole sorelle.

Lussureggiante con vegetazione abbondante, grandi alberi di alberi del pane fiancheggiano i sentieri. L'arte tradizionale della tessitura è forte e le fiorenti palme da cocco e gli alberi di pandano forniscono i materiali per i pregiati cappelli da rito e le stuoie e i cesti realizzati con le fibre delle foglie. E una ricca vita marina garantisce il sostentamento ai circa 150 che vivono qui. Poco si sa di quest'isola sfuggente a causa della sua inaccessibilità. Rakahanga può essere raggiunta solo via mare da Manihiki. Il giro di 2 ore sulla barca scoperta tra le isole traghetta le persone in modo irregolare.

Ci sono anche dubbi sulla scoperta originale di Rakahanga. Alcuni pensano che fosse il portoghese Magellano nel 1521 ma non c'è nulla che confermi questa diceria. Tuttavia, qualunque sia la sua esistenza originale, ci sono dubbi su quanto a lungo rimarrà l'isola in quanto vi è la possibilità che venga spazzata via, se il riscaldamento globale provoca un ulteriore aumento del livello del mare.

Rakahanga Rakahanga

"Ma intanto la vita ruota intorno al piccolo insediamento di Matara e Nivano, punto di ingresso all'isola, con il suo minuscolo molo e l'approdo che costituiva l'ancoraggio degli originali aerei dei battelli. Con una chiesa CICC recentemente ristrutturata, una scuola elementare vicino al cimitero, solo due negozi e gli uffici governativi dell'isola: Rakahanga è, come descrisse una volta l'autore americano Elliot Smith, ""una città sonnolenta""."

È interessante notare che a differenza della sua sorella stretta, questa laguna ha enormi granchi di cocco come gemme piuttosto che perle. Le tartarughe marine nuotano intorno alla barriera corallina esterna e lo sciopero del tonno a gennaio è uno dei migliori quando una gara di pesca raccoglie ritorni di circa 200 o più pesci al giorno. Eppure, nonostante la sua lontananza quasi impossibile, il popolo di Rakahangan offre un meraviglioso spirito di comunità e un caloroso benvenuto a chiunque sia abbastanza indipendente da superare la mancanza di trasporti e abbracciare la vita di questa isola incontaminata.