- Scopri- Mangaia

"Con un altopiano vulcanico incorniciato da un anello di alte scogliere coralline fossilizzate, la straordinaria bellezza naturale e la serenità di Mangaia sono solo una parte del suo fascino. La sua età, struttura e antichi manufatti sono stati per decenni una carta vincente per archeologi e antropologi che ne fanno un ""must"" nelle loro spedizioni."

Makatea (corallo fossilizzato in rilievo) si trova sul bordo della barriera corallina ma si erge formidabilmente nell'entroterra. Il centro dell'isola è un altopiano sommerso di lussureggianti zone umide, mantenute fertili da ruscelli sotterranei e torrenti che scendono lungo i lati. Un complesso sistema di irrigazione sotterraneo creato dalla natura conduce attraverso le strutture simili a grotte fino alla scogliera e ad un piccolo lago chiamato Tiriara. Tutto ciò crea uno degli interni dell'isola più belli che si possano trovare nel Pacifico.

Mangaia Mangaia

"Le leggende legate a queste antiche grotte sono intricate quanto le loro origini. E molti credono che ci sia una molteplicità di grotte ancora da scoprire dagli umani. La grotta Te Puta, dove viveva il tonno recluso (una mitica anguilla del folclore Manga), ha una vista mozzafiato sull'altopiano interno. La grotta di Teruarere, con le sue camere drammatiche e apparentemente infinite che accumulano ossa ancestrali, fu riscoperta all'inizio degli anni '30 da Robert Dean Frisbie e Te Uru a Puru. Si dice che sia lungo più di tre chilometri, poiché si estende fino alla barriera corallina. Tutti rivelano magnifiche stalattiti e stalagmiti, meravigliose nella loro antica struttura.
Se le grotte sono famose, lo sono anche le ""scale"" che attraversano le imponenti scogliere coralline e per le quali Mangaia è stato originariamente chiamato. Per raggiungere le piantagioni centrate nel verdeggiante altopiano; queste fessure naturali (Ara Kiore per uno) sono state trasformate in gradini dagli antenati che portavano a mano le rocce prima di forgiarle in forma per fornire un facile accesso. Sconosciuti dai predoni isolani provenienti da altre aree, la leggenda dice che hanno anche fornito una rapida fuga a donne e bambini durante la guerra."

La rigogliosa crescita di cocco, pandano e gli enormi alberi di Puka che spuntano dalla roccia corallina, rivelano una terra ricca. Rinomata per le sue noci di cocco, i Mangaiani considerano la palma una pianta base di sopravvivenza che fornisce cibo, latte di cocco e anche fibre.

Mangaia Mangaia

Senza dimenticare gli uccelli rari come il Mangaian Kingfisher, che non mangia mai pesce ma preda invece di scinchi, insetti e ragni. Nidificando in vecchie palme da cocco si pensava fosse a rischio di estinzione, ma con una popolazione compresa tra 400 e 700 abitanti è apparentemente sicuro per ora. La Barringtonia ospita il tanga'eo spesso bersaglio di quell'uccello molto aggressivo di Mynah che oggi assedia così tante isole. Nella disperata speranza di ridurre i livelli di insetti, che qui sono alti, l'altro nome della sfortunata Mynah è La vendetta di Gudgeon, dopo un povero benefattore che sperava che avrebbero aiutato. I Mynah ora sono rovina sulle isole - sfacciati e audaci.

"Il CICC è vivo e vegeto a Mangaia con chiese a Kaumata e Ivirua un interessante mix architettonico di gotico e normanno. Questi edifici sono una parte fondamentale della vita della comunità. Come l'industria principale, ""pupu"", le minuscole lumache di terra gialle che emergono solo dopo la pioggia e sono molto apprezzate come decorazioni a fascia e lunghi ""eis"" per i visitatori in arrivo e in partenza. La raccolta, la lavorazione, la perforazione e l'infilatura di queste minuscole conchiglie richiede molto tempo. Ma c'è una forte richiesta soprattutto a Tahiti e alle Hawaii. Non sorprende considerando il processo alla base della loro creazione."

"Nonostante le sue dimensioni relativamente grandi, Mangaia ha solo una popolazione di circa 500 persone, e solo pochi visitano la sua bellezza infinita e il paesaggio lussureggiante. Dei tre villaggi di Mangaia, Tamarua (sud), Ivirua (nord-est a una certa distanza) e Oneroa (ovest), quest'ultimo è il fulcro e il luogo d'orgoglio di una Union Jack concessa al ""Re"" Numangatini dalla regina Vittoria quando ha visitato Londra"

È tuttavia la straordinaria bellezza aspra che batte anche la storia antica unica e il modo di vivere tradizionale affascinante. Il fragore della risacca di notte non è contaminato da altri suoni. L'oscurità è assoluta. Nessun lampione o luce può competere con il vasto cielo color ebano e la sua miriade di stelle splendenti. La natura è molto vicina.