- Scopri - Atiu

Ha più di otto milioni di anni e la terza isola più grande del gruppo. Quest'isola è il sogno di un ecologista e una calamita per l'avventuriero. Una massa vulcanica che nel corso dei secoli è emersa dal mare per essere circondata da una barriera corallina calcarea rialzata chiamata makatea

Ha più di otto milioni di anni e la terza isola più grande del gruppo. Quest'isola è il sogno di un ecologista e una calamita per l'avventuriero. Una massa vulcanica che nel corso dei secoli è emersa dal mare per essere circondata da una barriera corallina calcarea rialzata chiamata makatea. La sua assoluta pace e armonia con la natura garantisce sicuramente la reputazione dell'isola di aver ospitato alcuni dei più feroci guerrieri dei Cuochi del Sud, che costantemente assediavano i loro vicini più piccoli a Mitiaro e Mauke Le spiagge sabbiose qui sono poche ma perfette. Nascosto come piccoli segreti nella costa. Incontaminata e rigogliosa con una fitta foresta pluviale e un inaspettato altopiano centrale secondo la leggenda, quando i polinesiani sbarcarono sulle bianche coste crestate di Atiu, gli uccelli e gli insetti erano la sua unica vita.
Essendo una delle tre isole del gruppo meridionale note come Nga-Pu -Toru, Atui attira lo spirito dell'esploratore. Senza locali notturni, praticamente senza township, circa 400 persone e un paio di caffè insieme a poco traffico prezioso: questa è una vera fuga. La vita è più o meno la stessa di circa 25 anni fa e offre quindi una visione davvero genuina della vita dell'isola con i suoi cinque piccoli villaggi di Tengatangi, Areora, Ngatiarua, Mapumai e Teenui annidati nel centro. I giardini prosperano sul suo terreno fertile e in certi giorni il morbido aroma della tostatura dei chicchi di caffè coltivati ​​biologicamente si diffonde dalle piantagioni che producono alcuni dei migliori caffè Arabica del Pacifico.

Atiu Atiu

Tuttavia oggi il suo fascino speciale è l'avifauna che ti lascerà senza fiato, soprattutto volando intorno alla foresta che prospera sulla makatea, addobbata com'è con rare felci giganti e fogliame abbondante. Il più raro, il Kopeka è un minuscolo swiftlet che naviga nel suo volo nero come la pece, percependo il suo viaggio come un pipistrello usando il suo potere sonar. Non si trova in nessun'altra parte del mondo, vive all'interno di quelle grotte calcaree che costeggiano l'isola. Quindi è un viaggio per gli intrepidi. Ma per gli ornitologi quest'isola è un paradiso per osservare i pennacchi esotici del Tavake, del White Capped Noddy, della Great Frigate e del Brown Bobby (nessun premio per i diritti di denominazione sugli ultimi tre!}. Il Kakerori in via di estinzione e il colorato I Kura svolazzano per i siti storici. In effetti, qui si possono trovare undici uccelli nativi, il più rumoroso dei quali è il martin pescatore blu, con i suoi richiami attraverso la calma della giungla.
E per gli intrepidi, una passeggiata attraverso quella fantastica fitta giungla tropicale che copre il makatea conduce alla grotta di Anatakitaki, dove tre sorprendenti caverne ospitano pozze d'acqua limpida e fresca, stalagmiti, stalattiti e un alto soffitto naturale della cattedrale. manufatti possono essere trovati nelle profondità delle camere. Il Te Ana o Raka, con le sue incredibili 15 camere, era la casa della famiglia Rakanui e Nurau e Vai Akaruru sono acque sotterranee profonde sognate dai sommozzatori. circa con la loro profondità di circa 50 metri.

Atiu Atiu

"Ma se pensi che siano solo i livelli elevati di uccelli che esercitano un fascino su questa lussureggiante pianura, prova un rito tradizionale che termina molte volte al giorno anche per gli amanti degli uccelli più diligenti. Alcuni Maori hanno trovato l'influenza missionaria un po 'troppo e quando è stato detto loro di ""non bere"" si sono limitati a recarsi nella boscaglia e hanno iniziato il loro rituale del tumunu; un'attività molto conviviale che prende il nome dai barili di birra che sono scavati nella parte più spessa della palma da cocco. Si tratta di passare una mezza noce di cocco piena di succo di frutta fermentato mentre si è seduti in cerchio a chiacchierare. Aperta e chiusa con una preghiera, la cerimonia ha codici di condotta chiari. Ma alla fine, dopo un paio di sorsi di questa pozione letale, la chat diventa in qualche modo indecifrabile. Certamente batte i pub che strisciano per un sei."